Gli Specialisti in Ginecologia di SenoClinic a Roma effettuano tutti gli esami e i trattamenti per la diagnosi e la cura dell’Endometriosi.

Diagnosi e cura dell’Endometriosi

Mestruazioni dolorose, alterazioni del ciclo mestruale, dolore pelvico cronico e dolore durante i rapporti sessuali: potrebbe trattarsi di Endometriosi, patologia ginecologica molto diffusa che riguarda il 10% circa delle donne italiane.

anatomia endometrio
Illustrazione dell’Endometrio

La patologia è caratterizzata dalla presenza di endometrio (mucosa di rivestimento della cavità uterina) in localizzazioni extrauterine (soprattutto ovaio, vagina, tube di Falloppio, cavità addominale).

Tale anomalia causa l’instaurarsi di uno stato infiammatorio cronico responsabile della sintomatologia dolorosa uro-genitale, che può aumentare durante le mestruazioni.

La presenza di endometrio ectopico può inoltre determinare difficoltà di concepimento e in alcuni casi infertilità.

Per diagnosticare l’Endometriosi è necessario svolgere una visita ginecologica, esami ematochimici, dosaggio di CA 125, e alcuni esami strumentali, come ecografia transvaginale, TAC e RM pelvica.

La terapia è inizialmente farmacologica e prevede l’utilizzo di antidolorifici e di farmaci antiestrogenici.

Nel caso in cui i sintomi non recedano si può effettuare l’intervento chirurgico, generalmente eseguito con tecnica laparoscopica.

Cos’è l’Endometriosi

L’Endometriosi è una patologia ginecologica caratterizzata dalla presenza di cellule endometriali ectopiche: l’endometrio, tessuto di rivestimento della cavità uterina, è presente anche in altre localizzazioni anatomiche.

Le strutture più colpite sono ovaie, tube, vagina, peritoneo, intestino, ureteri, e, in alcuni casi, pleura, diaframma, polmoni e pericardio.

L’endometrio ectopico è sensibile alle variazioni dei livelli di estrogeni e progesterone tipiche del ciclo mestruale, sanguinando in corrispondenza delle mestruazioni.

In seguito alle continue emorragie si determina uno stato infiammatorio responsabile della comparsa della sintomatologia dolorosa tipica della paziente affetta da Endometriosi.

Quali sono i sintomi dell’endometriosi

La presentazione clinica dell’Endometriosi è estremamente variabile. In alcuni casi la patologia si può manifestare in modo totalmente asintomatico, in altri casi invece la sintomatologia è particolarmente grave e debilitante.

I sintomi più comuni della donna con Endometriosi sono:

  • Dismenorrea (dolore durante le mestruazioni)
  • Alterazioni del ciclo mestruale
  • Dolore pelvico cronico
  • Dispareunia (dolore durante i rapporti sessuali)
  • Disuria (dolore durante la minzione)
  • Episodi di stipsi o diarrea cronica
  • Sensazione di stanchezza e affaticamento
  • Depressione e calo del tono dell’umore

Quale può essere la causa dell’endometriosi

L’eziologia dell’Endometriosi non è ancora stata completamente chiarita.

L’ipotesi oggi maggiormente accreditata è la teoria della mestruazione retrograda. Secondo tale ipotesi alcune cellule endometriali che si sfaldano durante le mestruazioni potrebbero attraversare le tube di Falloppio e giungere al peritoneo, membrana di rivestimento degli organi addominali, dove si innestano e rimangono in modo permanente.

Altre ipotesi riguardo l’eziologia dell’Endometriosi sono:

  • Ipotesi della disseminazione ematica e linfatica: le cellule endometriali potrebbero raggiungere gli organi a distanza attraverso il circolo ematico e linfatico.
  • Ipotesi metaplastica: le cellule renali, polmonari ed epatiche potrebbero spontaneamente andare incontro a trasformazione endometriale.
  • Ipotesi ormonale: l’insorgenza della malattia potrebbe essere dovuta ad alterazioni ormonali di estrogeni e progesterone.
  • Ipotesi genetica: la presenza di tessuto endometriale ectopico potrebbe essere determinata da una predisposizione ereditaria.
  • Ipotesi iatrogena: interventi chirurgici svolti a livello della cavità addominale (taglio cesareo e isterectomia) potrebbero determinare l’impianto di tessuto endometriale su cicatrici chirurgiche.

Qual è la complicanza principale dell’Endometriosi

Il rischio principale per una donna affetta da Endometriosi è la difficoltà di concepimento e in alcuni casi l’infertilità.

cisti-ovarica-endometriosica senoclinic roma

Le cellule endometriali ectopiche sono infatti sensibili ai livelli di estrogeni e progesterone, e durante il ciclo mestruale si sfaldano e sanguinano.

L’infiammazione e la fibrosi tissutale che ne conseguono possono determinare alterazioni nel processo di ovulazione, danneggiare gli ovociti prodotti e rendere difficoltoso l’impianto dell’embrione nell’utero.

In alcuni casi si possono formare delle cisti ovariche endometriosiche, che nel caso in cui siano di dimensioni significative richiedono un intervento di rimozione chirurgica.

Gli esami per la diagnosi e la cura dell’Endometriosi

Gli esami diagnostici

La diagnosi di Endometriosi passa per l’esecuzione di una serie di accertamenti di importanza ed invasività incrementale.

  • Visita ginecologica: prevede che il ginecologo raccolga l’anamnesi accurata della paziente, si faccia descrivere in modo dettagliato i sintomi ed esegua l’esame obiettivo.
  • Esame ematologico: esame semplice e non invasivo che si svolge effettuando un piccolo prelievo di sangue venoso dal braccio che verrà successivamente analizzato.
    L’esame non è specifico per l’Endometriosi ma consente di ottenere informazioni riguardo eventuali alterazioni ioniche, ormonali, lipidiche e glucidiche.
  • Dosaggio plasmatico di CA-125: CA-125 è una proteina plasmatica prodotta dalle cellule di endometrio, cervice uterina e tube di Falloppio. Il dosaggio della proteina si compie tramite un semplice esame ematologico e consente la diagnosi differenziale tra Endometriosi e carcinoma ovarico, due patologie che inizialmente possono presentarsi con la stessa sintomatologia. In caso di endometriosi la proteina CA-125 risulterà normale o moderatamente aumentata, in caso di carcinoma ovarico sarà molto aumentata.
  • Ecografia transvaginale: esame ecografico che prevede l’inserimento della sonda nella cavità vaginale. Tramite questo esame il medico può vedere la presenza di alterazioni degli organi pelvici. Consente di vedere le cisti endometriosiche.
  • Tac addominale e pelvica: metodica diagnostica che consente di ottenere immagini molto accurate degli organi analizzati. È particolarmente utile nello studio delle complicanze dell’Endometriosi.
  • Risonanza magnetica addominale e pelvica: l’esame diagnostico consente di visualizzare con elevata definizione anatomica gli organi colpiti dalla patologia. In alcuni casi può essere necessario estenderla all’addome superiore.
  • Laparoscopia: intervento chirurgico poco invasivo che consente di prelevare campioni di tessuto che saranno poi analizzati. L’intervento si realizza mediante l’inserimento degli strumenti chirurgici attraverso 3-4 fori addominali, che consentono di visualizzare il grado di compromissione tissutale e di prelevare un campione biologico. L’analisi istologica su campione tissutale è l’unico modo per giungere a una diagnosi di certezza. L’intervento laparoscopico può essere dunque sia diagnostico che curativo.

Esiste una terapia per guarire dall’Endometriosi?

La terapia dell’Endometriosi può essere sia medica che chirurgica.

È consigliato iniziare con un approccio farmacologico e solo nel caso in cui non ci sia una remissione dei sintomi procedere con l’intervento chirurgico.

I farmaci per la cura dell’Endometriosi sono:

  • Antidolorifici: Il trattamento medico iniziale prevede la somministrazione di analgesici e FANS.
  • Terapia ormonale: L’utilizzo di contraccettivi orali permette di sopprimere la funzione ovarica ed inibire la crescita delle cellule endometriali.

Quando è necessario l’intervento chirurgico?

Quando la terapia farmacologica non è sufficiente per risolvere il quadro clinico è necessario procedere con l’intervento chirurgico.

Nella maggior parte dei casi si esegue l’intervento chirurgico laparoscopico, metodica che tramite l’inserimento della strumentazione attraverso 3-4 piccoli fori addominali consente di rimuovere il tessuto endometriale ectopico con minori complicanze post operatorie e con una cicatrice più piccola rispetto all’ approccio chirurgico tradizionale.

laparoscopia senoclinic roma

Le indicazioni per lo svolgimento dell’intervento chirurgico sono:

  • Dolore pelvico significativo non responsivo alla terapia farmacologica
  • Presenza di aderenze e fibrosi
  • Ostruzione delle tube di Falloppio
  • Presenza di cisti ovariche endometriosiche
  • Dolore durante il rapporto sessuale
  • Desiderio di mantenere la fertilità.

Diagnosi e cura dell’Endometriosi con SenoClinic

Gli Specialisti in Ginecologia di SenoClinic a Roma effettuano tutti gli esami e i trattamenti per la diagnosi e la cura dell’Endometriosi.

SenoClinic opera a Roma sia in regime privato che in convenzione con i maggiori Enti Assicurativi, Casse Mutue e Fondi Sanitari Integrativi.

Per maggiori informazioni contatta la nostra Segreteria allo 06 36 30 34 91

AVVISO ALLE UTENTI
Le informazioni contenute in questa pagina sono solo a scopo informativo e non possono assolutamente sostituire il parere del medico. Ogni terapia è individuale e deve essere monitorata dal proprio specialista. Per risolvere i tuoi dubbi richiedi tranquillamente un consulto a SenoClinic.

Bibliografia

Bulun SE, Yilmaz BD, Sison C, Miyazaki K, Bernardi L, Liu S, Kohlmeier A, Yin P, Milad M, Wei J. Endometriosis. Endocr Rev. 2019 Aug 1;40(4):1048-1079. doi: 10.1210/er.2018-00242. PMID: 30994890; PMCID: PMC6693056.

Condividi questo articolo