Trifoglio rosso: proprietà e benefici in menopausa

Sbalzi d’umore, vampate e calo di attenzione sono solo alcuni dei problemi che il trifoglio rosso è in grado di contrastare durante la menopausa, quel periodo fisiologico della vita di una donna in cui si possono verificare fastidi e disturbi di diversa origine.

In menopausa l’organismo deve adattarsi a numerosi cambiamenti ormonali, in particolare ad un livello inferiore di estrogeni, testosterone, progesterone, ormone luteinizzante e ormone follicolo-stimolante.

Quando le conseguenze di questo scompenso ormonale diventano invalidanti, si può ricorrere ad una terapia ormonale sostitutiva, ma in condizioni normali è possibile alleviare i sintomi con abitudini sane e integratori alimentari che sfruttano i benefici di principi attivi naturali, come il trifoglio rosso.

Cosa contiene il trifoglio rosso?

Il trifoglio rosso appartiene alla famiglia dei legumi ed è noto per essere un prezioso alleato in menopausa. Questo è dovuto alla presenza dei flavonoidi, dalla potente azione antiossidante, e degli isoflavoni, che assomigliano agli estrogeni sia per l’aspetto strutturale che funzionale.

Il trifoglio rosso è anche ricco di minerali (cromo, magnesio, calcio, silicio, fosforo), potassio e vitamine (niacina, tiamina e vit. A, B12, E, K, C), che contribuiscono al benessere generale dell’organismo.

A cosa serve il trifoglio rosso in menopausa?

il trifoglio rosso è in grado di ridurre i sintomi tipici della menopausa: grazie ad un’azione simile a quella degli estrogeni aiuta a contrastare i disturbi tipici della menopausa, come:

  • vampate di calore;
  • disturbi del sonno;
  • tachicardia;
  • mal di testa;
  • sbalzi d’umore;
  • secchezza vaginale.

Il trifoglio rosso, inoltre, aiuta a prevenire l’osteoporosi perché stimola la mineralizzazione ossea.

Trifoglio rosso e menopausa: controindicazioni

Gli integratori a base di trifoglio rosso sono facilmente digeribili e meglio assimilabili rispetto ad altri rimedi, come soia e miglio. Nonostante siano generalmente ben tollerati, in casi molto rari si manifestano disturbi come nausea e mal di stomaco, situazioni in cui bisogna subito sospendere l’assunzione.  

Data la elevata concentrazione di estrogeni, si sconsiglia di ricorrere al trifoglio rosso in gravidanza e allattamento o in caso di patologie come:

  • endometriosi;
  • disturbi alla tiroide;
  • fibromi e tumori al seno, ovaie o utero;
  • carcinoma della prostata negli uomini.

Se si assumono abitualmente farmaci, è meglio consultare il medico prima dell’assunzione del trifoglio rosso, perché potrebbe interferire con alcuni principi attivi come tamoxifene, contraccettivi, anticoagulanti e antiaggreganti piastrinici.

AVVISO ALLE UTENTI
Le informazioni contenute in questa pagina sono solo a scopo informativo e non possono assolutamente sostituire il parere del medico.