Come contrastare gli effetti collaterali delle cure oncologiche?

Non è solo la chemioterapia a provocare sgradevoli effetti collaterali: anche i nuovi farmaci biologici, la radioterapia o le conseguenze di un intervento chirurgico possono causare nausea e vomito, stipsi o diarrea, inducendo anche perdita di appetito.

La nausea, in particolare, interessa quasi il 70% dei pazienti sottoposti a chemioterapia e rimane uno dei problemi più difficili da gestire anche con l’introduzione di farmaci di nuova generazione. Un aiuto inaspettato però può arrivare proprio dal cibo.

Nel 2011 i ricercatori dell’Università di Rochester hanno pubblicato sulla rivista Supportive Care in Cancer uno studio condotto su oltre 500 pazienti che dimostra come il fastidioso sintomo possa essere ridotto del 40% se insieme ai normali farmaci anti-nausea si assume una piccola dose quotidiana di zenzero.

Ma questo è soltanto un esempio: sono moltissimi gli accorgimenti che si possono adottare per seguire una dieta il più possibile corretta ed equilibrata, in modo da aiutare l’organismo a rispondere alle cure riducendo al minimo gli effetti collaterali.

AVVISO ALLE UTENTI
Le informazioni contenute in questa pagina sono solo a scopo informativo e non possono assolutamente sostituire il parere del medico.