Isteroscopia diagnostica: a cosa serve e quando farla

Isteroscopia diagnostica: a cosa serve e quando farla?

Capita spesso che molte donne, dopo una visita ginecologica, debbano ricorrere all’isteroscopia diagnostica per diversi motivi.

L’isteroscopia è considerato un esame diagnostico particolarmente doloroso ma, prima di preoccuparsi e giungere a conclusioni affrettate spieghiamo a cosa serve, come si esegue e quali sono i possibili fastidi.

Cos’è l’isteroscopia e come si esegue

L’isteroscopia diagnostica è una tecnica mini-invasiva che permette di analizzare la cavità uterina tramite l’utilizzo di un sottile strumento chiamato isteroscopio collegato a un monitor.

Questo apparecchio, dotato all’estremità di una piccola telecamera e una luce, viene inserito all’interno della vagina senza dover ricorrere al divaricatore o alle pinze.

L’esame si esegue senza anestesia o con l’ausilio di una leggera sedazione locale. 

Quando fare l’isteroscopia

Ci si sottopone all’’isteroscopia per diversi motivi, in genere dopo aver riscontrato delle anomalie dopo l’ecografia vaginale o il pap test.

Le cause più comuni per cui si esegue sono:

  • sanguinamenti uterini anomali in età fertile o menopausa;
  • malformazioni uterine come setti, polipi, fibromi, iperplasie;
  • sospetta patologia neoplastica;
  • ciclo mestruale abbondante;
  • sterilità o infertilità (si ricerca un possibile ostacolo che rende difficile l’attecchimento dell’embrione);
  • asportazione di materiale abortivo o placentare;
  • follow-up dopo un trattamento chirurgico endoscopico;
  • studio della cavità uterina prima di un intervento chirurgico.

La fase del ciclo più indicata per l’isteroscopia

L’isteroscopia può essere eseguita in qualsiasi fase del mese quando si è in menopausa o se si assumono contraccettivi estro-progenistici (evitando i giorni del ciclo mestruale), ma sempre a vescica vuota.

In età fertile si raccomanda di sottoporsi all’esame nella prima metà del mese, ovvero entro il 14° giorno dall’inizio dell’ultimo ciclo.

L’isteroscopia diagnostica è dolorosa?

Il dolore durante un’isteroscopia diagnostica è generalmente sopportabile.

Il fastidio più comune è simile ai crampi del ciclo mestruale a livello del pube o della spalla a causa della distensione dell’utero, ma tende a scomparire subito dopo l’intervento.

In caso di dolore molto forte è possibile sospendere l’esame ed effettuarlo in sala operatoria con un’anestesia generale.

I vantaggi dell’isteroscopia diagnostica

Rispetto a test più invasivi, l’isteroscopia diagnostica è una pratica veloce (dura circa 20 minuti), che non lascia cicatrici e riduce al minimo il trauma sugli organi pelvici e il rischio di infezioni. Inoltre non richiede il digiuno e l’assunzione di farmaci prima dell’esame.

La paziente potrà da subito riprendere le normali attività di vita quotidiana.

L’isteroscopia diagnostica a Roma con SenoClinic

Sia a Villa Benedetta a Roma che a Villa dei Pini ad Anzio i nostri ginecologi eseguono l’isteroscopia diagnostica.

SenoClinic opera a Roma sia in regime privato che in convenzione con i maggiori Enti Assicurativi, Casse Mutue e Fondi Sanitari Integrativi.

Per maggiori informazioni contatta la nostra Segreteria allo 06 36 30 34 91

AVVISO ALLE UTENTI
Le informazioni contenute in questa pagina sono solo a scopo informativo e non possono assolutamente sostituire il parere del medico. Ogni terapia è individuale e deve essere monitorata dal proprio specialista. Per risolvere i tuoi dubbi richiedi tranquillamente un consulto a SenoClinic.

Bibliografia

de Wit AC, Vleugels MP, de Kruif JH. Diagnostic hysteroscopy: a valuable diagnostic tool in the diagnosis of structural intra-cavital pathology and endometrial hyperplasia or carcinoma?. Six years of experience with non-clinical diagnostic hysteroscopy. Eur J Obstet Gynecol Reprod Biol. 2003 Sep 10;110(1):79-82. doi: 10.1016/s0301-2115(03)00165-9. PMID: 12932877.

 791 Visite Totali,  11 Visite di oggi

Condividi questo articolo